via-appia antica

Appia Antica

Durata: 3 ore

La nostra guida vi farà ammirare e conoscere la Via Appia, la Regina Viarum, la più bella delle vie consolari. La Via prende il nome dal Censore Appio Claudio che nel 312 a.C. ne fece aprire il primo tratto, dalla Porta San Sebastiano a Capua: in seguito fu basolata e raggiunse nel 190 a.C. Brindisi, dove tuttora due colonne di marmo indicano il punto terminale del percorso.
Il tracciato dell’Appia Antica inizia oggi da Porta San Sebastiano, la porta più bella dell’antica Roma, un tempo denominata Porta Appia, era aperta nella Mura Aureliane, che tuttora corrono imponenti ai suoi lati.

La passeggiata lungo l’Appia Antica prosegue con la visita della chiesetta del Domine Quo Vadis?, eretta nel IX secolo sul luogo in cui, secondo la tradizione popolare, Cristo apparve a San Pietro mentre stava fuggendo da Roma per scampare alla persecuzione di Nerone. L’Apostolo chiese a Cristo: “Domine, quo vadis?” (Signore, dove vai?) e il Signore rispose: “Eo Roman iterum crucifigi” (Vado a Roma a farmi crocifiggere di nuovo). San Pietro comprese il significato della risposta e tornò a Roma per affrontare, insieme agli altri cristiani, il martirio.

A seguire visiterete le catacombe più importanti di Roma: le catacombe di San Callisto, sorte verso la fine del II secolo, lunghe circa 20 km e dove trovarono sepoltura più di 50 martiri e 16 pontefici oppure le catacombe di San Sebastiano.

Continuerete questa affascinante visita con il percorso dell’Appia Antica fiancheggiata dalle celebri tombe monumentali, come quella di Cecilia Metella, identificata presumibilmente come la moglie di Crasso, il Mausoleo di Romolo, figlio dell’imperatore Massenzio, e infine il Circo di Massenzio, adibito alle corse dei carri.

Categoria: